I Volontari

Il gruppo presente oggi, anche se incompleto, rappresenta quello che suole dirsi lo “zoccolo duro”, per la loro disponibilità e la loro presenza quotidiana accanto a chi vive momenti di difficoltà e sofferenza.


Per la vita stessa dell’Hospice e dell’Associazione, la figura del volontario assume un ruolo di primaria importanza. È una figura importantissima poiché partecipa alla realizzazione di un progetto: garantire ad ogni ammalato e ai suoi familiari, il supporto necessario perché possa  vivere la restante parte di vita residua con rispetto e dignità.


Sono figure discrete che, in spirito di gratuità, mettono a disposizione di chi vive un momento di difficoltà, soprattutto il loro essere prima di tutto uomini che, comprendono l’altro donando la loro disponibilità nell’ascolto e nel dialogo.


Sia all’interno che, all’esterno dell’hospice, i volontari sono sempre coinvolti in prima persona e, non si limitano esclusivamente ad un’azione di sensibilizzazione ma, concorrono fattivamente al potenziamento e al miglioramento sia dell’Hospice che dell’Associazione a cui fanno capo e, specificatamente: raccolta fondi, raccolta firme, organizzazione di spettacoli e concerti e quant’altro.







Per la vita stessa dell’Hospice e dell’Associazione, la figura del volontario assume un ruolo di primaria importanza. È una figura importantissima poiché partecipa alla realizzazione di un progetto: garantire ad ogni ammalato e ai suoi familiari, il supporto necessario perché possa  vivere la restante parte di vita residua con rispetto e dignità.



Sono figure discrete che, in spirito di gratuità, mettono a disposizione di chi vive un momento di difficoltà, soprattutto il loro essere prima di tutto uomini che, comprendono l’altro donando la loro disponibilità nell’ascolto e nel dialogo.


Sia all’interno che, all’esterno dell’hospice, i volontari sono sempre coinvolti in prima persona e, non si limitano esclusivamente ad un’azione di sensibilizzazione ma, concorrono fattivamente al potenziamento e al miglioramento sia dell’Hospice che dell’Associazione a cui fanno capo e, specificatamente: raccolta fondi, raccolta firme, organizzazione di spettacoli e concerti e quant’altro.


Attualmente  prestano la loro attività in Hospice n.40 volontari , in turno , di due volontari alla volta, ogni giorno della settimana, festivi inclusi,(con turni di due ore e mezza).I volontari garantiscono percorsi assistenziali personalizzati con piani personalizzati di assistenza/affiancamento/compagnia ai pazienti e/o a familiari per i quali evidenziano necessità particolari o che spontaneamente lo richiedono( ad es. persone sole o che hanno bisogno di una continua assistenza).


I volontari entrano  a far parte dell’associazione con un corso di formazione il cui  scopo  è quello di fornire informazioni come bagaglio utile a orientarsi nel mondo delle Cure Palliative, ma soprattutto di stimolare la costruzione nel tempo di quell’atteggiamento di discrezione, garbo e profondo rispetto che muove le Cure Palliative al prendersi cura della persona malata e della sua famiglia.


Durante il corso vengono affrontati gli aspetti fondamentali dell’incontro con la persona gravemente malata e con i suoi famigliari e vengono date le conoscenze di base  che poi proseguiranno con le continue iniziative di formazione permanente attraverso stimolanti gruppi di approfondimento e dibattito utili per una crescita teorica pratica .



Nessun commento:

Posta un commento